Clitocybe rivulosa (= Clitocybe dealbata), fungo Fool's Funnel

Phylum: Basidiomycota - Classe: Agaricomycetes - Ordine: Agaricales - Famiglia: Tricholomataceae

Distribuzione - Storia tassonomica - Etimologia - Identificazione - Tossicità - Fonti di riferimento

Clitocybe rivulosa

La distinzione tra Clitocybe rivulosa e Clitocybe dealbata è generalmente considerata dubbia, perché sia ​​macroscopicamente che microscopicamente le differenze nei caratteri fisici, se del tutto evidenti, sono minime. La maggior parte delle autorità tratta queste due specie come sinonimi, mentre alcune ancora le differenziano principalmente sull'habitat: Clitocybe dealbata che si trova in prati ricchi di humus e Clitocybe rivulosa che si trova in prati sabbiosi, in particolare sistemi di dune costiere.

Stiamo trattando Clitocybe rivulosa e Clitocybe dealbata come una stessa specie. Questi funghi velenosi crescono spesso negli anelli delle fate, quindi chiunque raccolga Champignons Fairy Ring, Marasmius oreades e St George's Mushrooms, Calocybe gambosa o qualsiasi altro fungo commestibile pallido che produce anelli fatati deve stare molto attento a garantire che identifichi ogni singolo esemplare con assoluta certezza.

Clitocybe rivulosa nella prateria

Distribuzione

Presi insieme (perché è tutto ciò che possiamo sperare di fare sul campo) Clitocybe rivulosa / Clitocybe dealbata sono abbastanza comuni e diffusi in gran parte della Gran Bretagna e dell'Irlanda. Questi funghi tossici si trovano anche nella maggior parte dell'Europa continentale e nel Nord America.

Questi funghi molto velenosi contengono la tossina muscarina, quindi è essenziale prestare molta attenzione se si raccolgono funghi dalle branchie bianche (ad esempio Calocybe gambosa , fungo di San Giorgio) che sono destinati al consumo.

Storia tassonomica

Questa specie fu descritta nel 1801 da Christiaan Hendrik Persoon, che le diede il nome scientifico binomiale Agaricus rivulosus . (A quel tempo la maggior parte dei funghi con branchie erano inizialmente collocati in un gigantesco genere Agaricus , che da allora è stato ridotto e la maggior parte del suo contenuto è stato trasferito ad altri generi più recenti.) Nel 1871 il micologo tedesco Paul Kummer trasferì questa specie al genere Clitocybe , stabilendo il suo nome scientifico attualmente accettato come Clitocybe rivulosa .

Sinonimi di Clitocybe rivulosa includono Agaricus rivulosus Pers., Agaricus rivulosus var . nettuno Berk. & Broome, Clitocybe dealbata var . minore Cooke, Clitocybe rivulosa var . neptunea (Berk. & Broome) Massee e Clitocybe dealbata , quest'ultima non più riconosciuta come specie separata.

Etimologia

Il nome generico Clitocybe significa 'testa inclinata', mentre l'epiteto specifico rivulosa deriva dalla parola latina per canale, fiume o torrente e in questo caso è forse un riferimento ai deboli canali o creste anulari che tendono a formarsi sui cappucci maturi di questo fungo.

Tossicità

La Clitocybe rivulosa è una specie velenosa mortale e abbastanza comune che cresce in habitat dove le persone si aspettano di trovare funghi commestibili. Questo lo rende davvero molto pericoloso. I sintomi di avvelenamento da parte di questa e di altre specie simili di Clitocybe ricoperte di bianco sono quelli associati all'avvelenamento da muscarina. Salivazione e sudorazione eccessive si sono manifestate entro mezz'ora dal consumo di questi funghi. A seconda della quantità consumata, le vittime possono anche soffrire di dolori addominali, malattia e diarrea, insieme a visione offuscata e respiro affannoso. Le morti di persone altrimenti sane per il consumo di questi funghi sono molto rare, ma chiunque abbia un cuore indebolito o con problemi respiratori è molto più a rischio.

Guida all'identificazione

Cappello di Clitocybe rivulosa

Cap

Da 1 a 6 cm di diametro; convesso, che si appiattisce spesso con un margine ondulato che di solito è arrotolato, a volte sviluppa una depressione centrale poco profonda o diventa poco a forma di imbuto; liscia e farinosa o setosa una volta asciutta; bianco, di solito sviluppa una leggera sfumatura buffish con l'età.

Con l'età spesso si manifestano deboli anelli concentrici sulla superficie del cappello, che con tempo molto secco tende a rompersi.

Branchie di Clitocybe rivulosa

Branchie

Adnato o leggermente decorrente; affollato; bianco, che con l'età sviluppa una sfumatura rosa grigiastra.

Stelo di Clitocybe rivulosa

Stelo

Da 3 a 4 cm di lunghezza e da 0,4 a 1 cm di diametro; liscia e farinosa o setosa; bianca; lanuginoso alla base; nessun anello dello stelo.

Spore di Clitocybe rivulosa

Spore

Ellissoidale, liscia, 4-5,5 x 2-4,5 μm.

Impronta sporale

Bianca.

Odore / sapore

Odore dolce ma non caratteristico; l'assaggio di questo fungo tossico non è raccomandato.

Habitat e ruolo ecologico

In prati non migliorati, in particolare sui bordi delle strade e nei parchi; anche nei sistemi di dune sabbiose costiere.

Stagione

Da luglio a inizio dicembre in Gran Bretagna e Irlanda.

Specie simili

Calocybe gambosa , il fungo di San Giorgio, ha una polpa più spessa e un odore farinoso; si verifica in habitat simili ma principalmente tra la fine di aprile e l'inizio di luglio.

Fonti di riferimento

Affascinato da Fungi , Pat O'Reilly 2016.

British Mycological Society (2010). Nomi inglesi per funghi

Funga Nordica , Henning Knudsen e Jan Vesterholt, 2008.

Dizionario dei funghi ; Paul M. Kirk, Paul F. Cannon, David W. Minter e JA Stalpers; CABI, 2008

La storia tassonomica e le informazioni sui sinonimi in queste pagine sono tratte da molte fonti, ma in particolare dalla Checklist GB della British Mycological Society of Fungi e (per i basidiomiceti) dalla Checklist di Kew del Basidiomycota britannico e irlandese.